January 27, 2023
Quanto costa un impianto geotermico per casa

Quanto costa un impianto geotermico per casa?

L’efficienza energetica di una casa è una delle condizioni più importanti da valutare per risparmiare sui consumi, oltre che per abbattere i costi annuali. Sebbene le soluzioni per migliorare l’efficienza energetica di un’abitazione siano diverse, sempre più persone si affidano a un impianto geotermico per soddisfare la richiesta energetica del proprio appartamento. Ma quanto dura e quanto costa un impianto di questa tipologia?

Quanto dura un impianto geotermico?

Prima di tutto è essenziale capire cosa sia un impianto geotermico per apprezzarne le potenzialità. Quando si installa un sistema con un riscaldamento geotermico si utilizza una tecnologia capace di produrre energia rinnovabile sfruttando il calore naturale della terra. L’impianto ha la capacità di fornire all’abitazione acqua calda per il riscaldamento, sia questo per la caldaia o altri elementi, al fine di ridurre le emissioni inquinanti e di garantire energia gratuita.

Questa tipologia di sistema offre delle ottime prestazioni, ma è vincolata alla conformazione del territorio. Sebbene sia installabile in qualsiasi luogo si desideri, non tutti i terreni sono indicati per non sforare nel rapporto resa-costo complessivo.

Uno dei punti di forza di un impianto geotermico per casa è la durata dello stesso, infatti, una pompa di calore geotermica può garantire dai 15 ai 20 anni di utilizzo, anche se nell’ambito casalingo i tempi possono ridursi leggermente.

Una pompa geotermica di qualità, utilizzata nel modo migliore, può durare diversi anni, tanto quanto i pannelli radiante che si attestano su una durata di 20-30 anni. Come è facile dedurre, un sistema di questo genere è vincolato principalmente all’area di riferimento e ai materiali utilizzati per la realizzazione dell’impianto.

Utilizzare una pompa geotermica di alta qualità e posizionarla in un’area geografica non soggetta a onde sismiche o a spostamenti improvvisi del terreno, consente di ottenere diversi anni di utilizzo: sicuramente un numero superiore alle caldaie tradizionali.

Quando conviene un impianto geotermico?

Questa tecnologia conviene per la gran parte dei casi, ma è evidente che alcune condizioni siano più favorevoli di altre.

Si può affermare senza ombra di dubbio che un impianto geotermico conviene installarlo quando si vive in alta montagna. Tale condizione geografica, che apporta un quantitativo di ossigeno minore e una resa termica del combustibile inferiore, è la condizione ideale per un sistema geotermico.

Chi è in procinto di costruire una nuova abitazione potrebbe ricavarne enormi vantaggi, anche se non vi sono particolari problemi nell’installare tale impianto anche nelle abitazioni di vecchia costruzione, ma in quest’ultimo caso vi è la necessità di uno spazio sufficiente per la posa delle sonde.

Conviene installare un impianto geotermico anche nella condizione in cui si volessero sfruttare gli incentivi statali; le case in ristrutturazione, che hanno la necessità di riqualificare energeticamente la struttura, potrebbero ricavarne dei vantaggi non solo nel comfort complessivo, ma anche nella spesa totale.

Come funziona un impianto di riscaldamento geotermico?

Non tutti conoscono il funzionamento di un impianto di questa tipologia, per quanto negli ultimi anni sempre più persone si stiano avvicinando a tale sistema, c’è ancora tanta disinformazione. Quando si installa un impianto di riscaldamento geotermico si posiziona nel complesso abitativo un sistema di captazione del calore, quest’ultimo capace di funzionare grazie al posizionamento di tubature interrate verticalmente oppure orizzontalmente.

Oltre alle tubature, che veicolano il calore, c’è anche una pompa di calore geotermica, posizionata all’interno dell’edificio, capace di trasferire il calore dalla terra, o dalla fonte d’acqua sottostante, agli ambienti casalinghi. La pompa di calore può anche invertire il ciclo in fase di raffreddamento.

Tali elementi si legano a un sistema di accumulo e distribuzione del calore, condizione indispensabile quando si ha la necessità di aggiungere un sistema fotovoltaico oppure una caldaia tradizionale a condensazione.

Il funzionamento di un impianto geotermico per casa non è assolutamente complicato, ma la disposizione degli elementi appena elencati può influire sia sul costo complessivo che sulla resa.

Realizzare un impianto di questo genere può costare tanto quanto poco a seconda di diversi parametri. Tra le valutazioni da tenere in considerazione figurano: posizionamento della sonda, aggiunta di pannelli radianti e terreno sottostante.

Nel caso in cui si volesse realizzare un impianto geotermico chiavi in mano, per quanto i prezzi differiscano da città, contesto e azienda di messa in opera, si possono definire dei valori complessivi uniformi su tutto il territorio italiano.

Un impianto geotermico con pompa di calore con sonda verticale ha un costo usualmente che varia da 19.500 euro a 23.500 euro. Questa soluzione è la più costosa, ma garantisce una resa maggiore e un’incidenza minore sulle componenti.

Scegliendo un impianto geotermico con pompa di calore, ma con sonda orizzontale si possono risparmiare diversi euro. Infatti, tale soluzione può essere operativa con un investimento da 17.700 euro a 20.800 euro. Tali lavori necessitano però di una superficie più ampia e sono usualmente applicabili nelle strutture di nuova costruzione, oppure nelle abitazioni con un’area particolarmente ampia e priva di strade.

Analiticamente queste due soluzioni sono anche quelle più comuni, ma è opportuno sottolineare come l’aggiunta di pannelli radiante possa fare la differenza per progettare una casa quasi del tutto auto-sostenibile. Per quanto i pannelli radiante siano un optional, necessitano di un investimento di circa 5400-7500 euro.

In questo calcolo, esclusi i pannelli radiante che possono essere opzionali, è essenziale calcolare anche la sonda geotermica verticale. In questo caso il costo è vincolato alla lunghezza e al diametro, è opportuno considerare 45 euro al metro come parametro di riferimento.

Conclusioni

Le potenzialità e i benefici di un impianto di riscaldamento geotermico per casa sono evidenti, abbattendo i consumi energetici e le emissioni si ottengono delle ottime prestazioni senza richiedere troppa energia esterna. La scelta della tipologia dipende dal budget a disposizione e dalla morfologia del terreno, ma bisogna valutare anche la possibilità di installare dei pannelli supplementari altrettanto efficienti energeticamente.