January 27, 2023
Cosa sono e come funzionano le zanzariere a carrarmato

Cosa sono e come funzionano le zanzariere a carrarmato

Tra le varie tipologie di zanzariere plissettate che possono essere prese in considerazione per proteggere ambienti residenziali e luoghi di lavoro da insetti infestanti, ci sono quelle a carrarmato. Un prodotto esclusivo sul conto del quale spesso si fa spesso molta confusione. Scopriamo nel dettaglio di cosa di si tratta e qual è lo schema di funzionamento.

Le zanzariere a carrarmato

Sono molteplici i modelli di zanzariere da utilizzare per la protezione degli ambienti interni da insetti infestanti di vario genere. Per quanto riguarda la gamma di prodotti che fanno riferimento alle zanzariere plissettate c’è una variante molto interessante che molto spesso viene confusa con altre opzioni. Stiamo parlando delle zanzariere a carrarmato. Innanzitutto, c’è da sottolineare come questo prodotto sia stato progettato e realizzato per la prima volta in Giappone ovviamente con l’intento di proteggere gli ambienti interni dalle zanzare. Questo non è soltanto un aspetto di natura storica ma anche tecnologica, perché l’azienda che ne detiene il brevetto ha imposto alle aziende italiane che lo hanno introdotto sul territorio nazionale, il vincolo di non poter effettuare alcun genere di modifica. Questo significa che le zanzariere a carrarmato non possono essere adattate al mercato italiano che evidentemente ha altre caratteristiche ed esigenze rispetto a quello giapponese, non fosse altro che le costruzioni edili si diversificano e non di poco. Con queste premesse, il futuro di questa tipologia di zanzariera nel nostro territorio sembra essere quanto mai compromesso a meno che in futuro non ci possano essere delle modifiche sul contratto.

I principali vantaggi e gli svantaggi delle zanzariere a carrarmato

Sostanzialmente, la versione a carrarmato è una zanzariera plissettata che tuttavia non tiene conto delle condizioni climatiche e delle caratteristiche edilizie delle costruzioni italiane. Infatti, un classico problema è quello della rottura della zanzariera in ragione di un materiale che non permette di creare un effetto fisarmonica resistente. In particolare, l’azienda che ha deciso di creare questo prodotto e di permettere la sua diffusione nel mondo, ha scelto di usare il polipropilene come materiale per la realizzazione dell’effetto fisarmonica. Non è stato valutato che questo tessuto è caratterizzato da un elevato coefficiente di dilatazione termica il che lo rende del tutto inadatto per un territorio come quello italiano, in cui le temperature sono abbastanza alte durante il periodo estivo, che poi è quello in cui principalmente viene usata la zanzariera. Tra l’altro, c’è da aggiungere che il polipropilene perle sue caratteristiche insite, è un materiale suscettibile di degradazione UV ed è altamente infiammabile. Questo significa che un’esposizione continuativa nel tempo ai raggi solari potrebbe non solo compromettere la solidità della struttura ma anche creare problemi di non poco conto.

Sistema di funzionamento delle zanzariere a carrarmato

Il sistema di funzionamento delle zanzariere a carrarmato è del tutto simile a quello delle plissettate. Purtroppo la scelta del materiale compromette la funzionalità e l’affidabilità del prodotto, perché nel giro di pochi anni ci si può ritrovare con una rete rotta oppure con una zanzariera bloccata che non scorre. Tra l’altro, c’è da sottolineare come i prezzi di questo modello siano molto elevati perché oscillano tra 80 e addirittura 200 euro al metro quadrato per via di un impatto estetico decisamente gradevole. Fortunatamente ci sono soluzioni alternative come la zanzariera plissettata SharkNet che ha una impostazione simile ma che in realtà ha fatto una scelta vincente perché, invece di utilizzare il polipropilene e quindi dover fare i conti con tutte le problematiche evidenziate in precedenza, è stato scelto come materiale il poliestere che è un tessuto più resistente. Infatti, i fili di poliestere garantiscono una migliore tenacità e resilenza per cui c’è una elevata resistenza all’abrasione, alle pieghe e al calore. La zanzariera funziona correttamente ed è scorrevole senza problemi per tantissimi anni. Questa scelta è stata premiata anche dal punto di vista istituzionale, tant’è che ha ricevuto la certificazione di qualità dalla camera di commercio di Roma.