Larderello, storia di una Banda Nera nella Valle del Diavolo

Partiamo da una storia: quella della Banda Nera. Non era un gruppo di predoni, ma di suonatori. I ragazzi oppure i lavoratori al termine della loro giornata si riunivano e suonavano insieme, specialmente ottoni a fiato, creando appunto una banda.

Girosognando.it
Daniele Dei
2019-02-06

Perché ‘nera’? Tutti li riconoscevano alle manifestazioni: i loro strumenti erano ossidati e si scurivano facilmente. Questo perché siamo a Larderello, in provincia di Pisa (comune di Pomarance), il regno dei soffioni boraciferi e capitale italiana della geotermia.

Qui, dove un tempo nessuno avrebbe osato vivere, tanto che questa veniva definita la Valle del Diavolo (pare che persino Dante Alighieri colse da quella terra fumante l’ispirazione per creare lo scenario del suo Inferno), arrivò invece un signore francese con casa base a Livorno, tale Francois Jacques de Larderel. La sua fu un’intuizione vincente: prima l’estrazione dell’acido borico, poi al cambio dei tempi (e del mercato) i primi esperimenti per trasformare il vapore della Terra in forza dinamica per sprigionare elettricità. Fu una mossa vincente che ha reso i tecnici geotermici italiani un fiore all’occhiello nel mondo e ha portato, nella Valle del Diavolo, alla creazione da zero di un paese, Larderello...(continua)

 

Seguici su Newsletter o con i feed RSS: