La rinnovabile dimenticata: la produzione di energia geotermica scalda i motori

Tre ore e mezza a est di Los Angeles si trova il Salton Sea, un’oasi artificiale nel cuore del deserto del Mojave. Fu creato nel 1905, quando un canale si spezzò e il fiume Colorado inondò il deserto per più di un anno. Il mare è diventato un punto di riferimento turistico negli anni 50, perfetto per nuotare, andare in barca e in kayak. Ma ora, le persone stanno guardando il Salton Sea in cerca di qualcos’altro.

pppp.it
pppp.it
2018-02-06

Jim Turner è il direttore operativo di Controlled Thermal Resources, una compagnia energetica australiana. Su una collina che si affaccia sul Salton Sea, indica una zona di terra che un giorno ospiterà la prima centrale elettrica della sua compagnia, chiamata Hell’s Kitchen.

“Siamo sul luogo che probabilmente rappresenta la risorsa geotermica più robusta degli Stati Uniti”, spiega.

L’energia geotermica utilizza il calore naturale del pianeta per creare elettricità. Mentre ci sono diversi modi per farlo, il più comune è prendere l’acqua surriscaldata dai punti caldi geotermici e portarla in superficie dove, in forma di vapore, fa girare una turbina, che genera elettricità. E’ essenzialmente un motore a vapore senza il bisogno di aggiungere carburante per riscaldare l’acqua.

È completamente rinnovabile e genera energia pulita ventiquattr’ore su ventiquattro, diversamente dal vento – spesso incostante – e dal sole – presente a fasi alternate senza considerare le nuvole...(continua)

 

Seguici su Newsletter o con i feed RSS: