Geotermia, Ricerca e Sviluppo, Europa: L’EGEC aggiorna lo stato dell’arte sulla geotermia europea

Geotermia, Ricerca e Sviluppo, Europa: L’EGEC aggiorna lo stato dell’arte sulla geotermia europea

Geotermia: ecco per EGEC la mappa relativa alla potenza (termica ed elettrica) installata in Europa

Il Consiglio Europeo per l'Energia Geotermica ha pubblicato il nuovo market report

GeotermiaNews.it
Redazione
2017-05-19

Dal Consiglio Europeo per l'Energia Geotermica, che ha appena rielaborato il proprio logo e sito web, arriva l’atteso EGEC Geothermal market report, nella nuova versione aggiornata al 2016. Un documento – la cui versione integrale è disponibile per gli oltre 120 membri EGEC presenti in 28 Paesi – in cui vengono riassunte ruolo e tendenze nell’impiego dell’energia geotermica all’interno del Vecchio Continente nell’arco dell’ultimo quinquennio (2012-2016).

Dalla fotografia del mercato scattata al termine dell’ultimo anno emerge come sul territorio europeo siano attualmente presenti oltre 100 centrali geotermoelettriche, per una produzione di energia elettrica di circa 15 Twh/anno. A fronte di una potenza installata pari a circa 2,5 GWe (di cui 1 GWe all’interno dei Paesi UE), EGEC prevede un’ulteriore crescita per circa +0,5 GWe al 2020, concentrata principalmente all’interno della Turchia.

Diverso il contesto che emerge dall’analisi degli impieghi termici della geotermia: tra il 2012 e il 2016 sono 51 i nuovi impianti entrati in funzione, e tutti all’interno dei confini UE (con una crescita media annuale del +10%). L’energia rinnovabile che proviene dal sottosuolo è dunque ampiamente utilizzata per riscaldare e raffreddare edifici, con una capacità installata pari a circa 4,9 GWth; nel prossimo futuro, EGEC individua in Francia, Paesi Bassi, Germania e Ungheria i principali mercati in via di sviluppo.

 

Seguici su Newsletter o con i feed RSS: