Geotermia, America centro-meridionale: La geotermia scalda il mercato dell’energia in America centrale e latina

Dall’International Renewable Energy Agency un’indagine su stato e potenzialità della risorsa geotermica oltreoceano

GeotermiaNews.it
Redazione
2017-03-17

In America centrale l’impiego della risorsa geotermica per la produzione di energia è incrementato notevolmente negli ultimi anni, quasi quintuplicando dal 1990 ai nostri giorni e portando alcuni Paesi –è il caso di El Salvador– a livelli paragonabili con quelli delle eccellenze europee: nella nazione mesoamericana, infatti, il 27% dell’elettricità arriva da fonte geotermica.

A livello percentuale si tratta della migliore performance nazionale al mondo dopo quella islandese (ed è equiparabile a quella registrata in Toscana).

Come continuerà ad evolversi il mercato nell’area?

L’IRENA-International Renewable Energy Agency ha recentemente elaborato un report al riguardo, confrontando l’attuale produzione di energia elettrica da geotermia nei paesi dell’America latina e centrale nei contesti in cui questa ha già assunto un ruolo rilevante.

Dopo El Salvador (dove si registra il già accennato 27% di domanda elettrica coperta da geotermia) troviamo Nicaragua (16%), Costa Rica (15%), Messico (1%) e America latina nel complesso (1%).

Guardando invece al futuro sono Cile, Costa Rica, Ecuador, Messico, Nicaragua e Perù quei Paesi dove è presente un quadro legislativo volto a implementare lo sviluppo della fonte geotermica. In particolare Messico (che punta a raggiungere quota 1.018 MW di potenza geotermica installata al 2018) ed El Salvador (60-89 MW).

 

Seguici su Newsletter o con i feed RSS: