Accettabilità sociale della geotermia, CoSviG e Comuni toscani fanno scuola in Islanda

Oltre 600 partecipanti per la quarta Iceland geothermal conference. Si è chiuso a Reykjavik l’atteso evento internazionale volto ad approfondire e superare le barriere che ostacolano lo sviluppo del settore geotermico

Greenreport.it
Greenreport.it
2018-05-04

Si è conclusa a Reykjavik la quarta edizione dell’Iceland geothermal conference (Igc), che ha animato l’Harpa Hall e il centro conferenze della capitale islandese. Articolata attorno a tre pilastri – Vision, Development e Operations – ha offerto l’opportunità di indagare le barriere che ostacolano lo sviluppo del settore geotermico, e esplorato le possibili soluzioni per il loro superamento attraverso dibattiti di qualità.

Con oltre 600 partecipanti, l’ultima edizione ha confermato l’Iceland geothermal conference come una delle iniziative di riferimento per il comparto geotermico non solo in Islanda, ma a livello internazionale. L’evento no-profit, lanciato dall’Iceland geothermal cluster initiative, ha riunito in un unico palcoscenico – oltre a numerosi stakeholder e aziende di settore – istituzioni come la Banca mondiale, l’Eage (l’Associazione europea dei geoscienziati e ingegneri), l’Alleanza globale per la geotermia (Gga) e l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), oltre ai ministeri islandesi degli Affari esteri e del Turismo, dell’industria e dell’innovazione...(continua)

 

Seguici su Newsletter o con i feed RSS: